Innalzato il limite di utilizzo del contante

La legge di stabilità 2016 ha stabilito, a decorrere dal 1° gennaio 2016, l’innalzamento del  limite per l’utilizzo del denaro contante che passa da da € 999,99 a € 2.999,99.

Viene inoltre abrogata la disciplina prevista per i pagamenti concernenti i canoni di locazione abitativa e il trasposto di merci su strada.

Rimane invece il limite di € 999,99 per l’emissione di assegni bancari e postali, di assegni circolari e di vaglia postali  e cambiari, senza la clausola di non trasferibilità.